<svårt att få recept på coumadin hur få recept på aricept cialis soft dosering lotensin flytande dosering femara gel och tabletter samtidigt bactrim uden recept tyskland svårt att få recept på zestril er plendil på recept sarafem leverans billig benicar danmark vad kosta innopran xl beställa proventil england chloroquine varumärke hur får man recept på lukol generisk prograf på apoteket malegra dxt ganz billig xalatan gel och tabletter samtidigt cleocin gel och träning dosering remeron dosering föredrag kan man beställa prandin torsemide på recept beställa hem trimox zithromax salu beställa floxin på nätet köpa generisk cialis soft online vad är toradol tabletter behöver man recept för dutas hur beställa triamterene dulcolax snabbast leverans pariet recept sverige extra super avana recept cefixime med recept beställa benemid i sverige hur få recept på chloroquine beställa procardia i sverige beställa billig cialis soft betapace uden recept tyskland skaffa recept meclizine lipothin i sverige utan recept vad kosta levothroid fungerar generisk effexor xr cipro flashback pris flagyl er till hund dosering amaryl i sverige utan recept lugnande tabletter lexapro beställa actoplus met lagligt tamoxifen 100 billig paxil recept olagligt att beställa dutas på nätet billig zithromax bild pris på calan köpa ciplox billig kan man köpa nicotinell på apoteket utan recept pariet på recept pris på aldactone med recept ditropan gel och tabletter få plaquenil på recept remeron sehr billig vad kosta actos abana snabb leverans cialis sublingual preis billig sinemet i sverige utan recept pfizer dilantin billig detrol ganz billig keftab snabb leverans sverige altace lägre pris zetia billig per nachnahme beställa noroxin i sverige måste man ha recept för att köpa silagra furosemide bästa pris snabb leverans på clomid mobic leverans noroxin med recept vart kan man beställa cialis soft erythromycin dosering vuxna female cialis recept sverige actos+dosering vuxna beställa billig sarafem beställa tadacip requip ersatz billig grifulvin v alternative billig vart kan man beställa calcium carbonate differin med recept paroxetine piller ashwagandha pris apoteket pris på levothroid i thailand adalat gel och tabletter samtidigt beställa cymbalta lägsta pris på extra super cialis skaffa recept till lukol generisk fertomid biverkningar generisk prinivil på apoteket köpa generisk topamax differin lägre pris köp billig zoloft kombinera caverta gel och caverta tabletter köp triamterene buspar recept sverige xeloda säker leverans för bystolic himcolin utan recept i sverige beställning erexor svårt att få recept på fml forte protonix tabletter ica vad är forzest tabletter pilex tabletter ica metformin två tabletter vad är aciclovir tabletter etodolac shop billig hur få recept på avana nizagara nun billig claritin kostnad är det recept på artane köpa generisk floxin chloromycetin shop billig bild levitra soft billig skelaxin kostnad behövs recept för zestril billig arava danmark var beställa ampicillin billig diclofenac gel kopi chloramphenicol nun billig paxil tabletter ventolin varumärke pris tulsi sleep apotek hjärtat cialis extra dosage dosering sömn aspirin snabbast leverans kan man köpa tamoxifen på apoteket utan recept sändnings lotensin cytoxan recept sverige skaffa recept till fucidin lagligt beställa lopid recept för floxin biverkningar chloromycetin tabletter biverkningar desyrel tabletter behövs recept för sumycin i spanien dipyridamole nun billig generisk evista biverkningar eldepryl utan recept i sverige dilantin pris apoteket olagligt att beställa decadron på nätet apoteket finax tabletter vart kan man beställa hyaluronic acid vart kan man beställa cytotec pris på nizoral apoteket beställa alli olagligt pris indocin apotek hjärtat vad kostar viagra soft på recept köpa periactin billig få recept dutas generisk saw palmetto flashback betnovate två tabletter female cialis generisk female cialis skillnad generisk midamor flashback apoteket diclofenac gel tabletter lozol dosering hund hur beställa albendazole pris på trileptal i danmark colospa billig kaufen paypal proventil sverige snabb leverans lagligt att beställa plavix recept för fosamax recept för moduretic beställa myambutol england premarin sehr billig bästa pris neurontin hur få recept på geriforte beställa zyprexa på nätet pris på aleve apoteket snabb leverans på trileptal beställa cialis extra dosage på nätet depakote billig snabb leverans penegra requip säker+beställning pris super avana apotek hjärtat generisk inderal snabb leverans generisk aldactone snabb leverans lagligt beställa xalatan beställa billig micronase behövs recept för prednisone abilify flytande dosering zebeta oral lösning pris zyrtec tabletter farligt var köper man chloramphenicol utan recept köp sarafem vart kan man beställa cafergot vad kostar aceon på recept vad kosta keflex beställa lukol från thailand zovirax tabletter apoteket kan man köpa viagra jelly på apoteket utan recept köpa kamagra billig cozaar tabletter vad kostar clozaril med recept beställa glucotrol xl sverige beställa clindamycin i sverige generisk gyne-lotrimin flashback bästa pris på sinemet är generisk clindamycin farligt quibron-t online snabb leverans billig rumalaya liniment danmark moduretic lägre pris malegra fxt plus ersatz billig billig aristocort preis prednisone med recept vad är generisk pilex skaffa recept till artane sändnings pletal kombinera chloromycetin gel och tabletter behövs recept för cialis extra dosage vad kosta aceon vad är generisk apcalis sx nitrofurantoin gel samtidigt som tabletter pris på keflex på apoteket stromectol på recept pris citalopram dosering hund viagra plus preis billig compazine piller viagra professional över natten kan man köpa aciclovir på apoteket utan recept kan man köpa prilosec på apoteket utan recept pris på brand amoxil på apoteket generisk endep snabb leverans bupron sr generisk bupron sr skillnad beställa lipothin jelly beställa fml forte för kvinnor retin-a flytande dosering olagligt att beställa vasodilan billig atarax thailand sänkt pris på abana pris på lady era på apotek kamagra polo gel samtidigt som tabletter dosering toradol hund dramamine billig per nachnahme beställning av viagra köpande myambutol avodart tabletter ica pyridium i sverige utan recept brand advair diskus tabletter farligt tenormin tabletter biverkningar beställa confido sverige dosering av lotrisone super mentat billig zestril dosering hund billig flonase på nätet generisk brand advair diskus danmark vad kostar micardis tabletter billig trial erection packs 1 i danmark saw palmetto hund dosering generisk ranitidine aygestin ersatz billig tabletter liknande arcoxia dosering av medrol pris prometrium köp billig lasix lägre pris på evecare extra super avana med snabb leverans pris på imitrex i sverige skaffa recept slim tea köp lotrisone utan recept tegretol alternative billig fosamax utan recept i sverige pris på diarex på apotek lipotrexate flytande dosering pris på oxytrol på apotek få nizoral på recept seroflo dosering flashback nootropil dosering levitra professional hund dosering prevacid varumärke behövs recept för zovirax lipitor billig als viagra var kan man beställa prometrium oxytrol snabbast leverans är generisk apcalis sx farligt billig clonidine på nätet beställa panmycin billigt generisk norvasc biverkningar tricor säker leverans få recept duetact glycomet jelly snabb leverans beställa billig innopran xl trandate utan recept lagligt beställa phexin beställa suprax köpa trandate billig tamoxifen till hund dosering köp generisk erythromycin flagyl er generika billig snabb leverans compazine floxin generika billig kaufen billig atarax ab 2013 vad är generisk cleocin gel beställa emsam på nätet albenza kräm pris beställa unisom på nätet diarex utan recept i sverige beställa hydrea online flashback få recept brahmi lagligt beställa levlen adalat recept olagligt att beställa altace på nätet cabgolin billig billig colospa bild rumalaya liniment kostnad periactin oral lösning pris dosering bentyl hund köpande crestor pris på benadryl på apotek ceftin shop billig hur få recept på evecare antivert flytande dosering snabb leverans på zoloft voltaren dosering hund biverkningar sominex tabletter bara topamax beställa anacin england rogaine säker leverans generisk artane biverkningar generisk top avana snabb leverans är det olagligt att beställa lanoxin beställa benemid lagligt skaffa recept till alli cabgolin hund dosering var beställa viagra extra dosage toradol tabletter apoteket elimite plåster pris astelin alternative billig wellbutrin tabletter ica glucovance säker+beställning amaryl bästa pris köpa generisk liponexol ralista recept sverige buspar i sverige utan recept snabb leverans tetracycline anafranil recept hur får man recept på lioresal ny pris på zocor meclizine jelly snabb leverans adalat dosering vuxna kan man beställa evista furosemide flytande dosering hytrin snabbast leverans fluoxetine snabbast leverans clindamycin och träning dosering precose på recept pris prevacid beställa köpa trimox billig biverkningar zyprexa tabletter pris på kamagra oral jelly tyskland colchicine dosering ångest dilantin lägre pris yasmin varumärke generisk prilosec tabletter liknande flexisyn olagligt att beställa cialis soft på nätet aricept och träning dosering billig rosuvastatin på nätet super zestoretic billig billig carbozyne snabb leverans silagra leverans snabb leverans på robaxin beställning av paroxetine himcolin tabletter biverkningar ciplox snabbast leverans lasuna på recept pris billig clozaril thailand lioresal beställa bactroban dosering sömn är det recept på alli endep tabletter apoteket synthroid tabletter biverkningar combivent plåster pris pris på zyprexa på apotek coumadin plåster pris beställning brand advair diskus svårt att få recept på dutas viagra 25 mg filmdragerade tabletter billig slimex kopi bild digoxin billig prednisone sehr billig coreg pris apoteket combivent dosering flashback digoxin och träning dosering vad är generisk cyklokapron topamax generika billig kaufen altace piller quibron-t billig als viagra var köper man billig inderal lägre pris på floxin geriforte syrup beställa dosering av claritin 50 mg pris på mentat apoteket norvasc med snabb leverans köpa generisk reminyl online pamelor ganz billig finpecia bästa pris geriforte oral lösning pris beställa periactin billigt er zebeta på recept köpa seroquel snabb leverans procardia beställa måste man ha recept på rogaine extra super levitra utan recept köpa generisk etodolac i sverige rumalaya gel sverige snabb leverans billig benadryl preis vart kan man beställa zanaflex kemadrin säker leverans pris elimite plavix generika billig kaufen köp crestor snabb leverans lägre pris på ralista apcalis sx gel samtidigt som tabletter recept på strattera bästa pris benicar tetracycline lägre pris sominex dosering hund behövs recept för rumalaya gel recept på stromectol actos pris apoteket hjärtat astelin gel och tabletter beställa micardis från sverige nicotinell pris apoteket hjärtat azulfidine gel och tabletter pris för robaxin yasmin och träning dosering beställa metoclopramide olagligt septilin tabletter receptfritt colchicine lägre pris famvir preis billig köpa flomax snabb leverans clonidine dosering flashback amoxil sverige snabb leverans beställa phenergan på nätet lagligt beställa npxl från sverige shallaki bästa pris köpa generisk levitra extra dosage serophene till hund dosering bild fertomid billig olagligt att beställa combivent amaryl gel och tabletter samtidigt pris på antabuse på apotek pris på retin-a på apoteket aristocort recept sverige vad är apcalis sx tabletter behövs recept för amoxil pfizer triamcinolone billig få recept serophene pris kamagra super för zenegra vart beställa metoclopramide liv 52 dosering flashback generisk extra super avana danmark dosering av minocin dosering diflucan hund apoteket viagra plus tabletter fungerar generisk epivir-hbv beställa antivert från sverige serevent gel och tabletter samtidigt lioresal dosering ångest pris hydrea famvir pris recept på viagra soft försäljning av provera måste man ha recept på tamoxifen pris på diclofenac på apotek hyaluronic acid och träning dosering er fucidin på recept lincocin plåster pris bystolic pris finast och träning dosering hur får man motrin på recept protonix med recept pris toradol köpa generisk precose online benfotiamine generisk benfotiamine skillnad xeloda piller apoteket lozol pris arimidex med recept serpina utan recept pris på nexium 100mg entocort två tabletter beställa levitra super active på nätet lagligt lugnande tabletter diclofenac lagligt att beställa chloramphenicol på nätet plendil sverige snabb leverans beställa vytorin på nätet lagligt azulfidine bästa pris ny pris på eulexin billig fincar flashback roxithromycin utan recept behöver man recept för rumalaya gel beställa hem hydrochlorothiazide måste man ha recept för att köpa eurax snabb leverans av differin zaditor beställa generisk zebeta snabb leverans dapoxetine+dosering vuxna script src="http://www.cocuzzabasket.net/sito/templates/allrounder_v1.2/cookiechoices.js">

Vittorio Tracuzzi

Vittorio Tracuzzi

Vittorio Tracuzzi

 

“MAESTRO DI TECNICA ED UMANITA'”

Mario Arceri

Nato a San Filippo del Mela il 02.01.1923 lo troviamo, poco più che ventenne, a giocare in serie A con la Virtus Bologna. Il 28.04.1947 esordisce in Nazionale come giocatore e vi rimarrà per 44 gare fino al 13.10.1953; per un anno e mezzo, dal luglio ‘52 al dicembre ‘53, sarà anche allenatore azzurro (il più giovane di tutti i tempi). Nel 1948 partecipa ai XIV giochi Olimpici di Londra.
Nella stagione 54/55 e 55/56 è Campione d’Italia come allenatore-giocatore della Virtus Bologna. Nel 63/64 è ancora campione d’Italia come allenatore dell’Ignis Varese. Dal 1981 al 1985 ritorna ad essere allenatore nazionale, stavolta di quella femminile. Un brutto incidente gli cagiona la salute ed il 21 Ottobre 1986 il grande TRAC lascia un vuoto nella pallacanestro italiana.

 

Alcune foto di Vittorio Tracuzzi:

Vittorio Tracuzzi

Vittorio Tracuzzi

Vittorio Tracuzzi



Dall’infanzia a San Filippo del Mela all’esordio nei campionati che contano: ecco la prima parte della parabola ascendente del mitico Vittorio Tracuzzi.

trac1980

TRAC. Vittorio Tracuzzi, nato a San Filippo del Mela e cresciuto cestisticamente a Roma [Conoscere il basket].

Quel telegramma arrivò quando ormai non l’aspettava più. Ma gli cambiò la vita. Era firmato «Federazione Italiana Pallacanestro»: lo invitava a presentarsi a Roma per un raduno della Nazionale giovanile, già in corso nella palestra di Montesacro. Aveva 16 anni, Vittorio Tracuzzi. A San Filippo del Mela in provincia di Messina, il paesino ai piedi dei Peloritani dove era nato il 2 gennaio del 1923, smaniava con un pallone di basket in mano, da solo o con i pochi amici che condividevano quella passione da avventurieri. Lo aveva notato un certo Longhi, allenatore triestino in giro di perlustrazione per tutta l’Italia isole comprese, il quale si meravigliò di non vedere il ragazzino siciliano tra i convocati. Un telegramma supplementare pose rimedio a quella «dimenticanza», e per Tracuzzi fu il biglietto di viaggio verso la notorietà.

Era l’anno 1939. Il regime fascista non si era ancora macchiato degli errori e degli orrori della guerra mondiale. Vittorio apparteneva alla classe degli «avanguardisti»; con fierezza (o con opportunismo, chissà) decise di presentarsi a quel raduno in divisa di ordinanza, quella che si era soliti indossare il sabato: pantaloni alla zuava legati alla caviglia e giacca di tipo militare, tutto in grigio verde, con un maglione nero che si affacciava sul collo. Pare che le misure non fossero proprio adatte, l’uniforme gli tirava un po’ da tutte le parti, il che contribuì a rendere ancora più grottesca la sua apparizione in quella palestra.

cocuzza

COCUZZA. I primi anni a San Filippo del Mela [Cocuzza Basket].

Aldo Giordani, storico telecronista del basket italiano, fu testimone dell’episodio e così lo ha tramandato nei suoi racconti: «Un pomeriggio, mentre stavamo giocando, nella piccola porta d’entrata della palestra si stagliò una figura che in controluce ci apparve completamente nera. Era Vittorio Tracuzzi. Aveva raggiunto Roma sui treni a carbone dell’epoca, e la fuliggine aveva ancor più annerito la sua carnagione già naturalmente scura…». Nel vederlo poi in scarpette e pantaloncini – lui così moro e peloso – qualcuno esclamò sottovoce: «Ma chi è ‘sta macchietta?»… Oltre a Giordani, tra quei giovani cestisti, c’erano Sergio Stefanini (destinato a diventare una gloria della Nazionale), Lello Morbelli (un grande futuro da dirigente) e un ancora sconosciuto Vittorio Gassman, prima che il cinema e il teatro lo consacrassero come uno dei migliori attori di tutti i tempi. La battuta della «macchietta» da quale bocca poteva uscire se non dalla sua?

Su quel treno a carbone, Tracuzzi aveva viaggiato tutta la notte e il mattino seguente. Non badò alla stanchezza, e neanche agli sguardi diffidenti dei nuovi compagni. «Adesso vi faccio vedere chi sono!» – pensò – e si mise subito all’opera. Continuò a stupirli, ma stavolta per le sue doti da cestista, che erano davvero eccezionali, addirittura impensabili per uno venuto dal profondo Sud. In gran parte si era costruito da solo, assecondando la sua mania e la sua irruenza giovanile; aveva però avuto anche la fortuna di incontrare a Palermo tale Christy, professionista americano che era riuscito in qualche modo a purificarlo, dandogli i rudimentali insegnamenti di tecnica individuale.

Gassman

ATTORE. Vittorio Gassman, prima di diventare famoso come attore, era un buon giocatore di basket e fu compagno di squadra di Tracuzzi.

La guerra giunse presto a smorzare i primi entusiasmi, ma quel raduno romano aveva lasciato le porte aperte per il suo grande ritorno. Intanto c’erano da affrontare anni difficili per tutti; lui riuscì a coltivare in silenzio la sua passione per il basket, cercando di intuirlo più che di conoscerlo, di scoprirne tutti i segreti senza avere la possibilità di praticarlo come avrebbe voluto. Lo sbarco degli Alleati, in tal senso, fu un’occasione unica di apprendimento. Studiava e sognava. All’orizzonte del suo sguardo, da San Filippo del Mela, apparivano spesso le suggestive sagome delle Isole Eolie; in quello della sua immaginazione – che si spingeva ben oltre – c’erano campi di gioco, tribune affollate da spettatori, successo! L’attesa finì nel ’47, quando Tracuzzi approdò nuovamente nella capitale, accolto da quella che fu la sua prima vera squadra di club, la Ginnastica Roma. Vi militavano, tra gli altri, anche Giancarlo Primo e Carlo Cerioni, poi tecnici nelle Nazionali maschile e femminile.

Fu l’inizio della sua avventura da giocatore. In campo aveva tanta grinta e altrettanta fantasia; si buttava nella mischia, sfruttava al massimo velocità e potenza di gambe, con le sue doti atletiche cercava di sopperire ai limiti fisici; anche la tecnica individuale non gli faceva difetto, anzi. Nel suo repertorio c’era un numero spettacolare, che entusiasmava il pubblico e umiliava gli avversari: l’entrata acrobatica a canestro cosiddetta «a elica» (quindi con un avvitamento su se stesso, proviamo a immaginare). Tracuzzi si faceva notare in una squadra che, già di per sé, attirava molte attenzioni, perché fu la prima in Italia a giocare con sistemi americani, quelli che l’allenatore Francesco Ferrero aveva appreso – nientemeno – nella sua lunga prigionia in India.

tracnazionale

NAZIONALE. Tracuzzi agli esordi in Nazionale. Lui è in prima fila, quarto da sinistra, mentre il primo a destra in ultima fila è il ct Van Zandt.

In quei tempi l’attività agonistica stentava ancora a riprendere. Si disputavano gironi a suddivisioni geografiche; sfide amichevoli e tornei finivano col suscitare maggiore interesse. Così avvenne per il trofeo Mairano (dal nome del primo presidente FIP del dopoguerra, Aldo Mairano), che si disputò a Milano nel ’47: fu la vetrina più degna per questa sorprendente compagine romana che esibiva cose mai viste prima (tra blocchi e mezza ruota), sotto gli occhi, peraltro, del neo commissario tecnico della Nazionale, lo statunitense Van Zandt.

Vittorio Tracuzzi, in realtà, aveva già esordito in maglia azzurra agli Europei di Praga, nell’aprile dello stesso anno (Italia-Albania: 60-15, poi un deludente nono posto). Subito promosso titolare, e poi capitano, aveva anche qui bruciato le tappe, come se la sorte avesse voluto fargli recuperare un po’ di quel tempo portato via dalla guerra, negli anni migliori della giovinezza. Con l’avvento di Van Zandt, poi, il suo ruolo in azzurro divenne quello di un vero protagonista. Il 9 gennaio del ’48 l’Italia si presentava a Parigi per una sfida con i padroni di casa della Francia: strabattuti in partenza (perché altrimenti non era pronosticabile, visti i precedenti), Tracuzzi e compagnia riuscirono a conquistare una vittoria ai supplementari che restò memorabile. Tra alti e bassi si arrivò ai giochi olimpici di Londra, nell’estate dello stesso anno: stavolta fu coinvolto nel naufragio di un misero diciassettesimo posto, ma volete mettere la gloria di avere partecipato a una Olimpiade?

trac1948
CAPITANO. L’ascesa di Tracuzzi lo portò ad essere capitano alle Olimpiadi 1948 a Londra.

Come giocatore aveva già raggiunto la meta dei suoi sogni. Ben presto, però, la Ginnastica Roma (che pure si era classificata seconda nel campionato del ’48) gli rimase un po’ stretta, di ambizioni e probabilmente anche di qualcosa di più materiale. Spiccò un altro volo e arrivò a Varese, proprio quando si cominciarono a piantare le radici di quello che sarebbe stato il mito della grande Ignis. C’erano anche Carlo Cerioni, Tonino Zorzi, Mario Alesini, Giancarlo Gualco (nomi storici). Solo che lui non era come gli altri: sapeva di basket, non si limitava a giocarlo; analizzava i fondamentali, escogitava schemi. Lo vollero proprio per questo, per potergli affidare il doppio incarico di giocatore e di allenatore. In campo con gli altri, e al di sopra degli altri: la sua voglia di emergere, di rubare la scena, veniva così largamente appagata.

Da qui in poi, per un po’ di anni, attività e luoghi si accavallano freneticamente nel suo curriculum. Si fa davvero fatica a star dietro a numeri, date e risultati; figuriamoci stargli fisicamente dietro allora. Proviamo ad andare con ordine. Sei anni a Varese: gioca e allena, arrivano sempre buoni piazzamenti. Mentre è in Lombardia, trova anche il tempo di guidare una squadra femminile, la Bernocchi Legnano, che porta alla conquista dello scudetto nel ’54, così tanto per gradire… Intanto, in Nazionale lo si ritrova fino al marzo del ’52 (totalizza 48 presenze); va e torna dopo solo quattro mesi, stavolta nella veste di allenatore, compito che gli viene affidato dal neo presidente federale Decio Scuri, in un periodo di grande turbolenza e instabilità (dopo Van Zandt, si erano succeduti tre diversi incarichi nel giro di appena 6 mesi). Un record lo incamera subito: a 29 anni è, e resterà, il più giovane allenatore della Nazionale. Per il resto, risultati altalenanti, tra una eliminazione alle qualificazioni olimpiche di Helsinki ’52 (ad opera dell’Egitto del prof. Paratore), un settimo posto niente male agli Europei di Mosca ’53 e qualche buon torneo in giro. È lui che a un certo punto abbandona l’incarico, perché l’azzurro sarà anche un bel colore, ma di soldini se ne prendono pochi, e si rischia di restare al verde… Così si lascia sedurre dalle richieste di Bologna, dove la Virtus un mito lo è già diventata (con i 4 scudetti dell’immediato dopoguerra), ma da cinque anni vede trionfare la Borletti Milano e ora ha bisogno di un condottiero che la trascini alla riscossa. È la stagione ’54-’55: comincia un altro, esaltante, capitolo della sua carriera. Ce ne saranno ancora tanti, e non siamo che agli inizi di una lunga storia, che lo vedrà come uno zingaro in giro per l’Italia…

trac1950
IN AZIONE. Vittorio Tracuzzi in azione in campionato negli anni cinquanta. Ovviamente all’aperto!

La personalità di Vittorio Tracuzzi, frattanto, si era bell’e che formata. Come giocatore era spigoloso, imprevedibile, sfrontato; come allenatore, pure… Sapeva anche rendersi antipatico, quando lo voleva (e pare che lo volesse spesso). Intransigente per natura, aveva teorie da seguire e princìpi da rispettare: non li sconfessava neanche in quei momenti in cui – agli occhi di tutti – potevano apparire poco convenienti. Si irrigidiva sulle sue posizioni, e allora poteva capitare che si ribellasse anche a uno come Van Zandt (ebbe il coraggio di scrivere una lettera in Federazione chiedendo di non essere più convocato in Nazionale) o di chiudere porte in faccia ad atleti di spicco, che non stavano alle sue regole. Nel doppio ruolo di allenatore e giocatore doveva proprio trovarsi a suo agio: lì, almeno, se la cantava e se la suonava!


Tutto nasceva, in fondo, dal suo profondo amore per il basket: disciplina sportiva, non un giochino fatto di espedienti (come in molti allora lo interpretavano); una scienza da studiare, innanzitutto, e poi da applicare sul campo. In questo lui era avanti rispetto agli altri: lo ammisero tutti; in ritardo, ma lo ammisero. Tracuzzi predicava tecnica, geometria, velocità, obbligo di reazione rapida: a quei tempi non erano cose ovvie. Negli allenamenti non bisognava inventare nulla; se mai in partita, ma quello doveva essere estro, non stravaganza. Sentite un po’ cosa sosteneva su un articolo scritto di suo pugno in una rivista specializzata dell’epoca, nell’anno 1951: «La pallacanestro va giocata in cinque ed appunto per questo è necessario poter legare le cinque teste nella media più risultante e confacente alle mentalità. La pratica dei fondamentali deve essere applicata in percentuale forte in tutte le sedute di allenamento; gli esercizi debbono essere molti e interessanti per il buon rendimento dell’allievo e soprattutto per non dargli il tempo di pensare o riflettere troppo. E per non fare pensare è necessario un ritmo sostenuto, intenso, e la non possibilità di dedicarsi ad altro o volontariamente modificare un movimento. Ma se l’atleta non deve pensare, come otterrà l’applicazione? Si fa pensare e ragionare l’allievo con la sua mentalità senza che lui se ne avveda. Il suo pensare lo deve portare alla meccanicità del movimento e così l’applicazione dell’insegnamento sarà la derivante del volere dell’istruttore con la mente dell’allievo…». Ne aveva tante di filosofie come questa. Geniale a suo modo; quindi, spesso incompreso!

 

Era nato per fare il vagabondo, per inseguire il suo istinto e  le sue convinzioni, dovunque lo portassero. Dal basket si era lasciato prendere in maniera totale: sedotto nella sua Sicilia, tra le colline natie di San Filippo del Mela, era stato facilmente trascinato verso palcoscenici importanti, da Roma a Varese, dalla Nazionale azzurra alle Olimpiadi. Giocatore o allenatore; o entrambe le cose. In quegli anni che fecero seguito alla fine della guerra, anche nello sport bisognava cercare di adattarsi a tutto.

Quando mise piede a Bologna, a 31 anni, Vittorio Tracuzzi era ancora nel pieno del fervore agonistico. Vi era arrivato nel ’54, col suo bagaglio carico di idee e di buoni propositi, atteso da una società e da una tifoseria, quelle della Virtus, che avevano scommesso su di lui per tornare in alto. Non li deluse! Le «V nere» rivinsero subito lo scudetto, e la stagione successiva l’impresa riuscì nuovamente.

Fu un momento magico per lui, la rincorsa verso il successo pieno aveva toccato l’apice. In campo e in panchina Vittorio riusciva a spadroneggiare: il muso duro, le urla in campo, le tattiche da stratega. Aveva in squadra un gigante di 2 e 04, Nino Calebotta – trasformato da pertica in discreto cestista –, al quale affidava spesso la finalizzazione del gioco sotto canestro. C’era anche la coppia Mario Alesini-Achille Canna, che tramutava in oro un semplice schema di gioco offensivo tanto caro a Tracuzzi: il contropiede! In difesa, poi, un’invenzione enigmatica per quei tempi, la «zona 1-3-1», aveva disorientato anche gli avversari più esperti. Pensare che Dan Peterson, origini e scuola statunitensi, l’avrebbe riscoperta trent’anni dopo come «arma segreta» per la sua lunga serie di vittorie sulla panchina di Milano…

virtus55

VINCENTI. La prima formazione della Virtus Bologna con Tracuzzi, campione d’Italia 1954-55: Negroni, Zia, Canna, Borghi, Calebotta, Tracuzzi, Mioli, Gambini, Rizzi, Battilani, Verasani [VirtusPedia].

La Virtus aveva per la prima volta ceduto alle lusinghe della sponsorizzazione (c’era scritto «Minganti» sulle maglie, il nome di un’officina meccanica) e così qualche spicciolo in più da spendere lo aveva trovato. Tracuzzi veniva stipendiato più degli altri allenatori in giro. Solo che, con le 70.000 lire mensili che gli metteva in mano il presidente, faceva già fatica a mantenersi: doveva per forza arrotondare con l’insegnamento a scuola (era professore di Educazione Fisica), la moglie Merina era costretta a fare altrettanto. Quando arrivò il vero professionismo nel basket, lui si era già lasciato alle spalle tutte le esperienze di alto livello che avrebbero potuto arricchirlo.

Non fu mai, del resto, un grande speculatore del suo talento. E non solo dal punto vista economico. Ogni tanto sprecava anche occasioni per guadagnare gloria. Come quella volta che mancò clamorosamente il terzo scudetto consecutivo a favore di Bologna: nella partita clou contro la Simmenthal, a Milano, con quattordici punti di vantaggio a pochi minuti dalla fine, mise fuori tre giocatori del quintetto, favorendo così la rimonta degli avversari, poi vittoriosi al supplementare. Pare che volesse fare uno smacco al suo acerrimo avversario Cesare Rubini, oppure dimostrare chissà quale sua teoria… Fu allora che nacque il detto delle «tracuzzate», per dire di certe sue decisioni improvvise e astruse, diciamo fuori dalla logica comune; un’etichetta che gli restò poco simpaticamente addosso, anche perché nessuno la tirava fuori quando, al contrario, accadeva che le «tracuzzate» sortissero un risultato positivo.

tracvirtus
DOPPIA VESTE. Tracuzzi, allenatore giocatore della Virtus due volte campione d’Italia [VirtusPedia].

La Virtus, in fondo, gliela perdonò quella follia. Altrimenti non lo avrebbe tenuto ancora là come allenatore per altre tre stagioni (come giocatore aveva intanto lasciato perdere). Arrivò sempre seconda in campionato, alle spalle della Simmenthal: una maledizione, secondo i pessimisti, oppure la conferma di essere comunque una grande squadra, secondo altro punto di vista. Nel frattempo, il marchio commerciale accanto al simbolo della «V» era cambiato in «Oransoda», e dalla «Sala Borsa» (elegante galleria del centro storico adibita a campo di basket) ci si era trasferiti al Palazzo dello Sport di Piazza Azzarita, poi ribattezzato «PalaDozza». Tracuzzi ebbe l’onore di inaugurarlo quel famoso parquet.

Fu proprio l’Oransoda, anzi il gruppo industriale che le stava dietro, a decidere le sorti del Professore negli anni successivi. La famiglia Casella se lo portò a Cantù, «piazzetta» emergente del basket italiano, dove gli affidò la panchina  della squadra locale, che sponsorizzava un altro marchio di casa, l’acqua «Levissima». Due stagioni, due quarti posti in serie A, alle spalle delle grandi, il massimo che gli si potesse chiedere. Però Varese, là a pochi chilometri, non poteva permettersi di lasciare in provincia un allenatore come lui. Lo richiamò e si avviò a un’altra lunga serie di successi: lo scudetto dopo un anno (’63-’64); cinque secondi posti (sempre dietro Milano); poi la conquista della Coppa delle Coppe, nel ’67 (primo alloro europeo della società). Aveva di che andar fiero Tracuzzi, e invece un giorno confessò di avere fatto un grosso sbaglio a lasciare il clima sereno di Cantù per accettare le proposte allettanti dell’Ignis, dove l’ambiente un po’ lo opprimeva e dove gli toccava anche litigare col patron Borghi. Ormai sappiamo come era fatto: disposto a qualsiasi rinuncia pur di imporre il suo modo di pensare; tolleranza poca, compromessi zero!

virtus
ANCORA UNA. Secondo scudetto consecutivo per la Virtus, ancora con Tracuzzi in formazione: in piedi Canna, Borghi, Rizzi, Calebotta, Gambini, Alesini; accosciati Battilani, Verasani, Randi, Negroni, Tracuzzi [VirtusPedia].

Finirono col pesargli anche quegli anni luminosi di Varese. E allora via per altri lidi: una breve parentesi in Sardegna, a Cagliari, quasi per disintossicarsi; poi due stagioni a Milano, con la seconda squadra della città, la «Pallacanestro All’Onestà»; altre due a Bologna, ancora con la Virtus, ora sponsorizzata «Norda». Non era più tempo di trionfi, non c’erano neanche le condizioni; ma nella élite del massimo campionato Tracuzzi si muoveva sempre a suo piacimento, chiamato e richiamato ogni qual volta c’era bisogno di una guida tecnica affidabile. Solo che i risultati sul campo non sempre erano in linea con le pretese delle società, e più lui si ostinava a inseguire le sue idee, più restava isolato e incompreso. Conobbe così anche l’onta dell’esonero, prima a Milano e poi a Bologna: il che, probabilmente, lo infastidì solo per il fatto di non essere stato lui a decidere di togliere il disturbo. Non erano queste le cose che potevano deprimerlo – visto il personaggio che era – però capì che qualcosa era cambiato in quel mondo cestistico, e che per sopravvivere a certi livelli avrebbe dovuto cambiare anche lui. Non lo fece, a costo di andare ad allenare in serie C…

La primavera del 1972 segnò una svolta decisiva nella sua carriera. Bologna gli aveva appena dato il benservito, quando dal Monferrato, terra piemontese generosa di vini e tartufo, sentì arrivare un timido cinguettio di richiesta: la «Junior Casale», piccola società di serie C con un bel vivaio da coltivare, lo invitò a tenere uno stage di due mesi, male che andava avrebbe risposto che la cosa non lo interessava… A fare e disfare le valigie Tracuzzi non solo era abituato, forse ci prendeva anche gusto. Andò, lo accolsero a braccia aperte, trovò l’ambiente ideale per la sua concezione di basket, fatto di insegnamento, di lavoro in palestra, di giovani da lanciare. Non vi restò due mesi, ma quattro anni, guidando poi la prima squadra in Serie B, un’esperienza che lasciò il segno e che lo gratificò come lui voleva. Qualcuno cercò di riportarlo nel grande giro, ma al richiamo di certe sirene le sue orecchie erano ormai diventate insensibili.

rimbalzo
SALTO. Un rimbalzo catturato da Tracuzzi durante un torneo estivo.

Aveva trovato una sua nuova dimensione. Schivo come sempre, ma non più in lotta con se stesso e con gli altri, se ne stava tranquillamente lontano dalle luci della ribalta, che ultimamente lo avevano un po’ accecato. A poco a poco era venuto fuori anche il lato buono del suo carattere, o forse erano le persone che gli stavano attorno in quel momento ad apprezzarlo di più: dietro quella faccia da burbero e quell’atteggiamento in apparenza scontroso, si scopriva un uomo generoso, socievole, dotato anche di una vasta cultura (di quella scientifica in particolare, avendo mancato di poco, tra l’altro, una laurea in Medicina). Quanto alle sue ambizioni di allenatore, il messaggio era ormai chiaro per tutti: velleità non ne aveva e non ne accettava dagli altri; si accontentava di poco, purché lo lasciassero fare.

Questo fu il Tracuzzi che un bel giorno decise – zingaro per zingaro – di riaccasarsi nella sua Sicilia. Fissò la residenza sua e della sua famiglia a Messina, e da lì ripartì un altro capitolo della sua avventura, senza che mai fosse rimasto inattivo una sola stagione. La «Cestistica» Messina prima, poi una puntata al di là dello Stretto con la «Viola» Reggio Calabria, per tornare ancora più a Sud, a Ragusa, con la «Virtus». Tutti campionati di serie B, senza grandi aspettative e senza risultati clamorosi (a Reggio ci scappò anche un altro esonero); ma il Professore non era uno dei tanti di passaggio, lasciava comunque la sua impronta, grazie a lui molti giocatori trovarono la loro definitiva affermazione. Lo si ritrovava sempre in giro, a quei tempi: il borsello sulla spalla, la sigaretta in mano, faceva da spettatore anche a partite di campionati giovanili, e ogni tanto lo vedevi annotare qualcosa nel suo taccuino. Cupo in volto, riservato, imperscrutabile: ma queste erano le apparenze!

casale76
VIVAIO. Lo Junior Casale Monferrato 1975-76, società dal florido vivaio. Ninni Gebbia è il terzo da sinistra accosciato; Tracuzzi in piedi il primo da destra; il quarto da destra in piedi è Ottorino Flaborea, anche lui nella hall of fame [arch. Ninni Gebbia].

Possibile che uno come Tracuzzi, che il basket in Italia aveva praticamente contribuito a farlo nascere, e che continuava a professarlo con tanta passione, dovesse restare così emarginato? Possibile che la Federazione si fosse dimenticato di lui? Lo riconvocarono in «azzurro»: tutti d’accordo, il presidente conterraneo Enrico Vinci, il suo vecchio avversario-amico Cesare Rubini, lo stesso allenatore della Nazionale Sandro Gamba, che lo aveva sempre considerato «un maestro». C’erano programmi, collaborazione, persone valide e stimate alle quali rendere conto del proprio operato: per cui si fece convincere.

Cominciò dalle Nazionali giovanili maschili, pane per i suoi denti: ragazzi da selezionare, da seguire e da promuovere, era questo che continuava a interessarlo, che lo entusiasmava più di chissà quale vittoria sul campo. Poi il passaggio al settore femminile, alla guida della Nazionale dall’81 all’85, con dignitose partecipazioni agli Europei, tra cui un quinto posto a Budapest. Ci sapeva fare anche con le ragazze, non è vero che avesse preclusioni nei loro confronti: sappiamo che uno dei suoi quattro scudetti in bacheca era quello conquistato con la Bernocchi Legnano; addirittura nel lontano ’48 aveva anche allenato a Roma una squadra femminile di serie B. Pur ammettendo che le differenze fisiche tra i due sessi non potevano portare agli stessi gesti atletici, diede una sua impostazione rigorosa, sostenendo che sul piano tecnico il basket era uno, e uno solo!

arbitro
CONTESTA. Tracuzzi litiga con un arbitro durante l’esperienza a Casale [arch. Ninni Gebbia].

Dopo i 60 anni, la sua voglia di lavorare in palestra e di misurarsi sul campo non si era per niente affievolita. Continuava a sprigionare energia anche con la sua innata mania di girovagare solitario, magari su una roulotte o su una vespa. Neanche un brutto incidente stradale era riuscito a sbarrargli la strada, ma fu quello a segnare poi il suo triste destino. Aveva riportato una lesione, e a distanza di un po’ di tempo decise di porvi rimedio sottoponendosi a un intervento chirurgico all’Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna: la morte arrivò qualche giorno dopo, senza bussare alla porta, con la più imprevedibile e la più fulminea delle complicazioni, l’embolia polmonare. Era il 21 ottobre del 1986. Per l’ennesima volta (e purtroppo l’ultima) Tracuzzi aveva colto tutti di sorpresa!

Testi: Nunzio Spina
Fonte: Basket Catanese




Dicembre 2009. La Commissione degli Onori, organo della Federazione Italiana Pallacanestro, decide di far entrare Vittorio Tracuzzi nella «Hall of Fame», assegnandogli un premio «alla memoria».

Tra i tanti personaggi che dal 2006 a oggi sono entrati in questa prestigiosa galleria, Tracuzzi si ritroverà in compagnia di: Cesare Rubini, Sandro Gamba, Enrico Vinci, Aldo Giordani, Giancarlo Primo, Carmine Paratore, Dado Lombardi (suo giocatore a Bologna), Ottorino Flaborea (suo giocatore a Varese e a Casale).

Gli altri premiati di questa edizione sono: Giovanni Gavagnin, Giuseppe Brumatti, Giulio Jellini e Nicoletta Persi (per la categoria atleti), Arnaldo Taurisano (allenatore), Vittorio Fiorito (arbitro), Gianni Corsolini («una vita per il basket»), Adolfo Bogoncelli («alla memoria»).

Al nome di Tracuzzi sono già stati intitolati il campionato nazionale juniores femminile  e un Palazzetto dello Sport a Messina.


 

Biografie
   
| Lunedì, 24. Settembre 2018 || Designed by: LernVid.com |Copyright 2009-2013 by A.D.S.S.P.C. 1947 - via Garibaldi, 382 - 98044, San Filippo del Mela (Me) - Codice Fiscale: 02763620834