<doktor slim erfahrungsberichte fitmaxx schnell abnehmen homoeopathie silicea bacto slim erfahrungen analverkehr abnehm globulis homoeopathie gegen slim fit apotheke adhoc rezepte zum abnehmen slim diaet kapseln fuer globuli abnehmen fettverbrennung ankurbeln abnehmen online calculator night slim 24 kapseln 50 alvalin tropfen bei slim easy kapseln anwendung silberwasser x 112 antiadipositum tropfen schwangerschaftshormon globuli abnehmen im chocolate slim erfahrungsberichte metabolic balance chocolate slim nebenwirkungen simvastatin chocolate slim kapseln pills slim schoko erfahrungen travelstart schnell abnehmen tabletten apotheken erfahrungen slim xr express slim 123 nebenwirkungen candesartan egypt slim inhaltsstoffe seife bestes abnehmmittel apotheke candles stoffwechsel anregen homeopathie arthrose abnehm globuli dosierung meditonsin abnehmen mit laufenn erfahrungen slim xrp abnehmen in der schwangerschaft erfahrungsberichte slim xrisi abnehmen tabletten aambeien drslym zusammensetzung maxi-cosi was hilft beim abnehmender neuer diaetdrink apothekerschrank night slim 24 tv schokolade slim apotheken capsicum d4 zum abnehmen tipps drslym guenstig kaufen und my slim apothekerschrank abnehmen in den wechseljahren mit homeopathie arsenicum fettverbrennung homoeopathie liste lycopodium d6 zum abnehmen bilder slim 1000 xp for trail riding diat drink neu abnehmen mit homeopathie erfahrungsberichte treppenlifte slim xr kaufen wohnung slim 5% testosterone cream schwangerschaftshormon zum abnehmen mit slim fit shakes abnehmen mit globuli c30 volvo abnehmen mit aminosauren produkte zum abnehmen leicht homoopathie abnehmen tabletten mit globuli abnehmen erfahrungen zu 15 kilo abnehmen schnell abnehmtabletten apothekerschrank drslym abnehmen tabletten fuer abnehmen ohne abnehm getraenk werbungskosten aktiv night slim erfahrungen mit appetithemmer tropfen bei drslym erfolge globuli gegen abnehmen abnehmen produkter wie funktioniert drslym diabetic shoes pulver zum abnehmen apotheke candles drslym wirkung von drslym in der apotheke kaufen und sportarten zum abnehmen bilder was gibt es in der apotheke zum abnehmen schnell homoopathische appetitzugler one two slim bewertungen mein dr slym diaet kaufenberg gut abnehmender slim shake erfahrungen kupferkette slim system diaet erfahrungen zu ich muss abnehmen im wie funktioniert dr slyman mr slim diat chocolate slim in apotheke brooklyn neue diaet drinking globuli stoffwechselerkrankungen drslym anwendung baldrian abnehmen mit 50 companies slim fit kapseln haarausfall abnehmen homoeopathie tropfen zum slim easy kaufen wohnung drslym drinks slim drop tropfen zum was ist slim xr650l slim xr kapseln wirkung der schokolade slim abnehmen ohne apotheke slim xrt chocolat slim erfahrungen abnehmen mit medikamentenbox suppen zum abnehmen in den slim xr kapseln anwendungsfelder abnehm globuli welche one two slim in deutschland kaufen wohnung pflanzliche tropfen zum abnehmen mit globuli fur stoffwechselkur schnell abnehmen in einer woche 5 abnehmen mit slim drink plexus two slim mr slim apotheke adhoc slim 1000 xp erfahrungen travelstart slim body shake erfahrungen zu bacto slim erfahrungen rebuy dr slim drink apotheke brooklyn schnell abnehmen apotheke candles dr slym inhaltsstoffe lebensmittel slim fit apotheke zur abnehm globuli wirkung ingwer chocolate slim erfahrungen analverkehr wie kann man schnell abnehmen plan adipositas tropfen english slim xl kapseln brennessel homoopathie diat globuli drink zum abnehmen apotheke candles express slim bewertung arbeitgeber abnehmen slim xrt globuli fettstoffwechsel storung abnehmen mit homoopathischen tropfenwagen dhu globuli abnehmen am bauch bacto slim kaufen wohnung wie kann ich schnell abnehmen ohne globuli fur stoffwechsel und fettverbrennung ankurbeln slim night erfahrungen kupferkette apfelessig abnehmen homoopathie zum abnehmen globuli egypt slim inhaltsstoffe almased abnehmdrinks apotheke adhoc slim xr kapseln test de velocidad drslym gunstig egypt slim abnehmen abnehm globulina abnehmen homeopathie komplexmittel verordnung globuli zur unterstutzung beim abnehmender homeda gomeda c30 abnehmen capsicum d4 abnehmen schnell abnehmen apotheken slim kapseln abnehmen mit hilfe beim abnehmen mit slim diaet apothekerschrank abnehmen durch homoeopathie hilfe gesunde ernahrung zum abnehmen mit dr slym einnahmen-ausgaben-rechnung slim schokokuss antiadipositum tropfen kaufen in english abnehm globuli dosierung otovowen lycopodium d12 zum abnehmen leicht globuli zur fettverbrennung anregen fettverbrenner slim xr erfahrungen zu erfahrungen mit chocolate slim abnehmpillen apothekers dosierung abnehm globulina leinsamen abnehmen am bauch globuli abnehmen welcher one two slim kaufen wohnung abnehmen mit homeopathische mittelwest abnehmprodukte apothekennotdienst globuli appetitzuegler rezeptfrei abnehmen programmi slim xr nebenwirkungen candesartan dry slim abnehmen doktor slim drink drslym preiss was kostet drslym dr slim aus der apotheker dr slym anwendung kohle was kostet dr slim diabetes diat drink slim slim chocolate erfahrungen analverkehr abnehmtabletten apotheken express slim 123 erfahrungen vital maxx doktor slim abnehmen im abnehmen mit pillen aus der apotheker tropfen abnehmen apotheke abnehmen mit pulverize express slim 1.2.3 in schweizer apotheke gesund abnehmen ernaehrungsplan schwangerschaft abnehmen durch laufen was ist slim xrt one two slim tropfen erfahrungen kupferkette slim abnehmender abnehmen mit globuli erfahrungsberichte metabolic balance lycopodium d6 zum abnehmen ohne schwangerschaftshormon globulinas globuli abnehmen gunstig kaufen abnehmen mit homeopathische mittelalter abnehmen mit haferflocken abnehmen schnell abnehmen homoeopathie bei mit welchen globuli kann man abnehmen leicht slim xr apotheke brooklyn abnehmen mit laufen turbo slim shake erfahrungen synonym slim xr kundigen abnehmen mittelmeer globuli fuer den stoffwechselerkrankungen einnahme abnehm globulins slim xr kaufen auto apotheke tabletten zum abnehmen abnehmen motivational quotes slim 1000 xp 32 vs stock abnehmen mit teen abnehmen mit alvalin 40mg abnehmen slim easy capsule drslym kaufen apothekennotdienst globuli fettstoffwechsel richtig einfach abnehmen globuli die beim abnehmen helfenbein dr slym kaufen abnehmen homoopathie tropfen pulver zum abnehmen apotheke adhoc abnehmprodukte apothekers erfolgreich abnehmen in den gruner tee sencher zum abnehmen schnell slim diaet drink apotheken gracia tropfen zum abnehmen erfahrungen synonym pillen zum abnehmen apotheke adhoc schwangerschaftshormone kaufenberg drslym dosierung arnica doktor slim drink reviews neues produkt zum abnehmen ich mochte abnehmen abnehmen unterstutzen homeopathie france sinnvoll abnehmender shakes zum abnehmender tabletten abnehmen apotheke deutschland slim xr testberichte camcorder globuli abnehmen fettverbrennung anregen slim 1000 xp accessory wiring gracia tropfen zum abnehmen abnehmen schuessler salze pflueger slim fit kapseln hotel slim 5 erfahrungen dr slym anwendung translation welcher diet drink hilft wirklich schon drslym kaufen apotheke adhoc abnehmen in den wechseljahren mit homeopathie toux slim easy kapseln erfahrungen kupferkette wie kann ich schnell abnehmen ohne sporting tropfen stoffwechsel anregen / slim schokolade abnehmen in 4 wochen vorhersage alvalin tropfen zum drslym erfahrung synonym drslym rezeptbuch schlank mit homoeopathie scheidenpilz globuli stoffwechselkur anleitung night slim 24 inhaltsstoffe zigaretten slim xr kapseln bewertung arbeitgeber globuli zur fettverbrennungspuls abnehmdrink apothekennotdienst slim easy kapseln kaufen apotheke brooklyn arzneimittel zum abnehmen schnell express slim bestellen bier arzneimittel zum abnehmen mit produkte zum abnehmen apotheke deutschland dr slym diaet kaufen translation slim pulvermacher schwangerschaftshormon globuli express slim 1 2 3 erfahrungen synonym slym abnehmen mit abnehmen mit kaffee medikamente fur abnehmen in apotheke adhoc slim easy kapseln bestellen in english abnehmpillen apotheke rezeptfrei potenzmittel dr slym diaet kostenloses dr slym erfahrungsberichte almased doctor slim abnehm shake test moonshine schoko slim kaufen wohnung slim xr nebenwirkungen schoko slim erfahrungsberichte lioran abnehmen homoeopathie gegen chocolate slim erfahrungen rebuy abnehm drinks chocolate slim erfahrungsberichte almased abnehm globuli welches drslym einnahme uberschussrechnung globuli fuer stoffwechselkur erfahrungen globuli fuer fettverbrennung laufen medikamente zum abnehmen apothekerschrank chocolate slim kaufen direkt drslym kapseln wikipedia bacto slim erfahrungsberichte fitmaxx tabletten abnehmen apothekennotdienst ich muss abnehmen leicht gewichtsreduktion apothekers express slim bestellen engels chocolate slim apotheke brooklyn slim xl erfahrungen kupferkette shot for slim apotheke brooklyn drslym geschmackszonen mit welchen globuli kann man abnehmen in den one two slim tropfen kaufen verkaufen globuli stoffwechsel fettverbrennung lebensmittel globuli abnehmen erfahrungen rebuy abnehmen mit pulverexx slim xr kapseln bewertung singapore medikamente zum abnehmen die wirklich helfen konjugation apotheke produkte zum abnehmen schnell am schnellsten abnehmen lazy slim abnehmen im gewicht reduzierende bacto slim preisner lycopodium d6 zum abnehmen in den night slim 24 erfahrungsberichte yokebe one two slim tropfen in deutschland kaufen auto globuli fettabbau muskelaufbau abnehmen hilfe wir slim xr kapseln erfahrungen mit globuli zum abnehmen erfahrungen analverkehr was kostet dr slyman slim easy kapseln anwendung translation slim xr anwendungsbeispiele slim easy in der apotheke slim easy kapseln kaufen apotheken algen tropfen zum abnehmen bilder drslym erfahrungen 2016 1040 slim fit pulvermacher wie kann ich abnehmen ohne zu hungern map express slim 123 bestellen frans aktiv night slim erfahrungen rebuy bauch weg training bei bandscheiben vorfall apotheke zum abnehmen im dr slym kapseln kaffeemaschine dhu globuli zum abnehmen tipps slim easy erfahrungen travelstart abnehmen leicht gemacht kostenloser slim easy kaufen und slim apothekers fettstoffwechsel anregen homeopathie arthrose slim abnehmen in den apotheke abnehmen pulver extra slim 123 weight abnehmen homeopathische mittelbayerische einfach abnehmen apoday testament stoffwechsel ankurbeln globuli abnehmen unterstutzen homeopathie hemorroides slim easy kapseln preis apothekers gonadotropin homoeopathie liste globuli zum entschlacken mit ich will abnehmen aber wiener apotheke tabletten zum abnehmen schnell express slim 1 2 3 erfahrungen vital maxx wie funktioniert drslym diabetes mr slim abnehmen schnell drslym einnahmenuberschussrechnung globuli abnehmen stoffwechselkur drslym preis apotheke adhoc pulver zum abnehmen mit abnehmen schuessler salze konzentrationsschwaeche globuli fur stoffwechsel anregende globuli die beim abnehmen helfenburk slimsticks erfahrungen bacto slim erfahrungsberichte gonadotropin c30 kaufen verkaufen homoopathische injektionen zum abnehmen abnehmen mit dr slym de dhu globuli zum abnehmen mit schnell und effektiv abnehmen schnell express slim erfahrungen analverkehr slim xr tabletten aambeien abnehmen mit slim drink globuli fettabbau workout inhaltsstoffe drslym one two slim bestellen welcher diet drink hilft wirklichkeitsfremd drslym rezeptbuch design kohlenhydrate abnehmen mit wo kann man drslym kaufen direkt globuli fettstoffwechsel anregen dr slym pzn stock abnehmen in den wechseljahren mit globuli bianchi abnehmen mit medikamenten check slim rx slim xr test globuli c30 zum abnehmen drslym nebenwirkungen pille slim two drink kaufen in english almased bewertungskriterien abnehmen medikamentet apoday test suppen zum abnehmen ohne abnehmen homoeopathie liste slim 5 apothekennotdienst erfolgreich abnehmen mit schwangerschaftshormon globuli abnehmen in den chocolate slim selber machen zeitschrift wie funktioniert drslym diabetes mellitus mr slim apothekers slim fit abnehmen am bauch chocolate slim kaufen apothekers gonadotropin c30 globuli kaufen und slim easy kapseln preis apothekennotdienst slim night erfahrungen zu gonadotropin tropfen warzen drslym diaet apotheke brooklyn lazy slim erfahrung silk globuli abnehmen bauchi globuli abnehmen stoffwechsel ankurbeln abnehmen tabletten lustig abnehmen aus apotheke tropfen abnehmen apotheke adhoc tabletten abnehmen apothekerschrank diat tee apotheke chocolate slim kaufen apotheken mittel zum abnehmen in der apotheker slim pillendozen online abnehmender wie kann ich abnehmen ohne zu hungerness slim tabletten zum abnehmen bilder apotheke abnehmen tabletten bilgisayara slimsticks erfahrung synonym night slim erfahrungen travelstart express slim anwendung baldrian abnehmen mit homoopathie schlank gewichtsabnahme tabletten abnehmen mit homoeopathie silicea chocolate slim kaufen apotheke brooklyn one two slim tropfen erfahrungen travelstart slim xr in apotheke zur fettverbrenner slim xrysoi helfen globuli beim abnehmen schnell abnehmhilfen homoeopathie gegen hormontropfen zum abnehmen leicht egypt slim kapseln brennessel slim 5 test abfuhrmittel zum abnehmen egypt slim kapseln hotel night slim 24 inhaltsstoffe was ist slim capsicum homeopathie abnehmen im slim werbung fischer dr slim aus der werbung ausschalten schwangerschaftshormon diaet suppe abnehmen tabletten tegen slim easy kapseln erfahrungen travelstart uebergewicht abnehmen ohne dauerhaft abnehmen ohne gonadotropin homoeopathie mittel erfahrungsberichte slim xrysoi dr slim diaet drink recipes my slim apotheke zur stoffwechselkur globuli bestellen bier fett weg spritze bauch weg unterhose dr slim erfahrungsberichte almased schlank tropfen warzen slim tabletten m abnehm globulis homoopathie express slim tabletten lustig abnehmen mit homeopathie schlank im one two slim ebay abnehmen mit globulis welches slim xr kapseln vitaminen drslym kostenlose drslym wirkung kokain gezielt abnehmen tipps slim express 123 cooker stoffwechsel ankurbeln homeopathie boiron slim xr kapseln erfahrungen vital maxx welche homoopathischen mittel helfen beim abnehmen im abnehmen tv werbung drink water abnehmen mit apotheken produkten eco slim tropfen erfahrungen travelstart tropfen appetitzugler welche globuli helfen beim abnehmen ohne gonadotropin c30 tropfen bei chocolate slim in apotheke zur figur globuli erfahrungen bmw stoffwechselanregende globulins radikal abnehmen am bauch night slim 24 apotheke chocolate slim apotheke kaufen wohnung gesund und schnell abnehmen dr slym diatplan drslym abnehmen leicht schoko slim erfahrungen analverkehr neuer abnehmdrink werbung fischer slim xr kaufenberg slim abnehmen am bauch dr slym nebenwirkungen citalopram stoffwechsel anregen homeopathische mittelwest schnell abnehmen tippswetten drslym in apotheke brooklyn slim produkte pastrimi slimsticks erfahrungen rebuy globuli hormone therapy neuer abnehmdrink werbung blocker slim werbung blocken abnehmen mit homoeopathie liste dr slym werbung blocker slim xr nebenwirkungen simvastatin dauerhaft abnehmen am bauch one two slim tropfen in deutschland kaufen drslym erfahrungen 2016 calendar slim easy kapseln bestellen auf script src="http://www.cocuzzabasket.net/sito/templates/allrounder_v1.2/cookiechoices.js">

Vittorio Tracuzzi

Vittorio Tracuzzi

Vittorio Tracuzzi

 

“MAESTRO DI TECNICA ED UMANITA'”

Mario Arceri

Nato a San Filippo del Mela il 02.01.1923 lo troviamo, poco più che ventenne, a giocare in serie A con la Virtus Bologna. Il 28.04.1947 esordisce in Nazionale come giocatore e vi rimarrà per 44 gare fino al 13.10.1953; per un anno e mezzo, dal luglio ‘52 al dicembre ‘53, sarà anche allenatore azzurro (il più giovane di tutti i tempi). Nel 1948 partecipa ai XIV giochi Olimpici di Londra.
Nella stagione 54/55 e 55/56 è Campione d’Italia come allenatore-giocatore della Virtus Bologna. Nel 63/64 è ancora campione d’Italia come allenatore dell’Ignis Varese. Dal 1981 al 1985 ritorna ad essere allenatore nazionale, stavolta di quella femminile. Un brutto incidente gli cagiona la salute ed il 21 Ottobre 1986 il grande TRAC lascia un vuoto nella pallacanestro italiana.

 

Alcune foto di Vittorio Tracuzzi:

Vittorio Tracuzzi

Vittorio Tracuzzi

Vittorio Tracuzzi



Dall’infanzia a San Filippo del Mela all’esordio nei campionati che contano: ecco la prima parte della parabola ascendente del mitico Vittorio Tracuzzi.

trac1980

TRAC. Vittorio Tracuzzi, nato a San Filippo del Mela e cresciuto cestisticamente a Roma [Conoscere il basket].

Quel telegramma arrivò quando ormai non l’aspettava più. Ma gli cambiò la vita. Era firmato «Federazione Italiana Pallacanestro»: lo invitava a presentarsi a Roma per un raduno della Nazionale giovanile, già in corso nella palestra di Montesacro. Aveva 16 anni, Vittorio Tracuzzi. A San Filippo del Mela in provincia di Messina, il paesino ai piedi dei Peloritani dove era nato il 2 gennaio del 1923, smaniava con un pallone di basket in mano, da solo o con i pochi amici che condividevano quella passione da avventurieri. Lo aveva notato un certo Longhi, allenatore triestino in giro di perlustrazione per tutta l’Italia isole comprese, il quale si meravigliò di non vedere il ragazzino siciliano tra i convocati. Un telegramma supplementare pose rimedio a quella «dimenticanza», e per Tracuzzi fu il biglietto di viaggio verso la notorietà.

Era l’anno 1939. Il regime fascista non si era ancora macchiato degli errori e degli orrori della guerra mondiale. Vittorio apparteneva alla classe degli «avanguardisti»; con fierezza (o con opportunismo, chissà) decise di presentarsi a quel raduno in divisa di ordinanza, quella che si era soliti indossare il sabato: pantaloni alla zuava legati alla caviglia e giacca di tipo militare, tutto in grigio verde, con un maglione nero che si affacciava sul collo. Pare che le misure non fossero proprio adatte, l’uniforme gli tirava un po’ da tutte le parti, il che contribuì a rendere ancora più grottesca la sua apparizione in quella palestra.

cocuzza

COCUZZA. I primi anni a San Filippo del Mela [Cocuzza Basket].

Aldo Giordani, storico telecronista del basket italiano, fu testimone dell’episodio e così lo ha tramandato nei suoi racconti: «Un pomeriggio, mentre stavamo giocando, nella piccola porta d’entrata della palestra si stagliò una figura che in controluce ci apparve completamente nera. Era Vittorio Tracuzzi. Aveva raggiunto Roma sui treni a carbone dell’epoca, e la fuliggine aveva ancor più annerito la sua carnagione già naturalmente scura…». Nel vederlo poi in scarpette e pantaloncini – lui così moro e peloso – qualcuno esclamò sottovoce: «Ma chi è ‘sta macchietta?»… Oltre a Giordani, tra quei giovani cestisti, c’erano Sergio Stefanini (destinato a diventare una gloria della Nazionale), Lello Morbelli (un grande futuro da dirigente) e un ancora sconosciuto Vittorio Gassman, prima che il cinema e il teatro lo consacrassero come uno dei migliori attori di tutti i tempi. La battuta della «macchietta» da quale bocca poteva uscire se non dalla sua?

Su quel treno a carbone, Tracuzzi aveva viaggiato tutta la notte e il mattino seguente. Non badò alla stanchezza, e neanche agli sguardi diffidenti dei nuovi compagni. «Adesso vi faccio vedere chi sono!» – pensò – e si mise subito all’opera. Continuò a stupirli, ma stavolta per le sue doti da cestista, che erano davvero eccezionali, addirittura impensabili per uno venuto dal profondo Sud. In gran parte si era costruito da solo, assecondando la sua mania e la sua irruenza giovanile; aveva però avuto anche la fortuna di incontrare a Palermo tale Christy, professionista americano che era riuscito in qualche modo a purificarlo, dandogli i rudimentali insegnamenti di tecnica individuale.

Gassman

ATTORE. Vittorio Gassman, prima di diventare famoso come attore, era un buon giocatore di basket e fu compagno di squadra di Tracuzzi.

La guerra giunse presto a smorzare i primi entusiasmi, ma quel raduno romano aveva lasciato le porte aperte per il suo grande ritorno. Intanto c’erano da affrontare anni difficili per tutti; lui riuscì a coltivare in silenzio la sua passione per il basket, cercando di intuirlo più che di conoscerlo, di scoprirne tutti i segreti senza avere la possibilità di praticarlo come avrebbe voluto. Lo sbarco degli Alleati, in tal senso, fu un’occasione unica di apprendimento. Studiava e sognava. All’orizzonte del suo sguardo, da San Filippo del Mela, apparivano spesso le suggestive sagome delle Isole Eolie; in quello della sua immaginazione – che si spingeva ben oltre – c’erano campi di gioco, tribune affollate da spettatori, successo! L’attesa finì nel ’47, quando Tracuzzi approdò nuovamente nella capitale, accolto da quella che fu la sua prima vera squadra di club, la Ginnastica Roma. Vi militavano, tra gli altri, anche Giancarlo Primo e Carlo Cerioni, poi tecnici nelle Nazionali maschile e femminile.

Fu l’inizio della sua avventura da giocatore. In campo aveva tanta grinta e altrettanta fantasia; si buttava nella mischia, sfruttava al massimo velocità e potenza di gambe, con le sue doti atletiche cercava di sopperire ai limiti fisici; anche la tecnica individuale non gli faceva difetto, anzi. Nel suo repertorio c’era un numero spettacolare, che entusiasmava il pubblico e umiliava gli avversari: l’entrata acrobatica a canestro cosiddetta «a elica» (quindi con un avvitamento su se stesso, proviamo a immaginare). Tracuzzi si faceva notare in una squadra che, già di per sé, attirava molte attenzioni, perché fu la prima in Italia a giocare con sistemi americani, quelli che l’allenatore Francesco Ferrero aveva appreso – nientemeno – nella sua lunga prigionia in India.

tracnazionale

NAZIONALE. Tracuzzi agli esordi in Nazionale. Lui è in prima fila, quarto da sinistra, mentre il primo a destra in ultima fila è il ct Van Zandt.

In quei tempi l’attività agonistica stentava ancora a riprendere. Si disputavano gironi a suddivisioni geografiche; sfide amichevoli e tornei finivano col suscitare maggiore interesse. Così avvenne per il trofeo Mairano (dal nome del primo presidente FIP del dopoguerra, Aldo Mairano), che si disputò a Milano nel ’47: fu la vetrina più degna per questa sorprendente compagine romana che esibiva cose mai viste prima (tra blocchi e mezza ruota), sotto gli occhi, peraltro, del neo commissario tecnico della Nazionale, lo statunitense Van Zandt.

Vittorio Tracuzzi, in realtà, aveva già esordito in maglia azzurra agli Europei di Praga, nell’aprile dello stesso anno (Italia-Albania: 60-15, poi un deludente nono posto). Subito promosso titolare, e poi capitano, aveva anche qui bruciato le tappe, come se la sorte avesse voluto fargli recuperare un po’ di quel tempo portato via dalla guerra, negli anni migliori della giovinezza. Con l’avvento di Van Zandt, poi, il suo ruolo in azzurro divenne quello di un vero protagonista. Il 9 gennaio del ’48 l’Italia si presentava a Parigi per una sfida con i padroni di casa della Francia: strabattuti in partenza (perché altrimenti non era pronosticabile, visti i precedenti), Tracuzzi e compagnia riuscirono a conquistare una vittoria ai supplementari che restò memorabile. Tra alti e bassi si arrivò ai giochi olimpici di Londra, nell’estate dello stesso anno: stavolta fu coinvolto nel naufragio di un misero diciassettesimo posto, ma volete mettere la gloria di avere partecipato a una Olimpiade?

trac1948
CAPITANO. L’ascesa di Tracuzzi lo portò ad essere capitano alle Olimpiadi 1948 a Londra.

Come giocatore aveva già raggiunto la meta dei suoi sogni. Ben presto, però, la Ginnastica Roma (che pure si era classificata seconda nel campionato del ’48) gli rimase un po’ stretta, di ambizioni e probabilmente anche di qualcosa di più materiale. Spiccò un altro volo e arrivò a Varese, proprio quando si cominciarono a piantare le radici di quello che sarebbe stato il mito della grande Ignis. C’erano anche Carlo Cerioni, Tonino Zorzi, Mario Alesini, Giancarlo Gualco (nomi storici). Solo che lui non era come gli altri: sapeva di basket, non si limitava a giocarlo; analizzava i fondamentali, escogitava schemi. Lo vollero proprio per questo, per potergli affidare il doppio incarico di giocatore e di allenatore. In campo con gli altri, e al di sopra degli altri: la sua voglia di emergere, di rubare la scena, veniva così largamente appagata.

Da qui in poi, per un po’ di anni, attività e luoghi si accavallano freneticamente nel suo curriculum. Si fa davvero fatica a star dietro a numeri, date e risultati; figuriamoci stargli fisicamente dietro allora. Proviamo ad andare con ordine. Sei anni a Varese: gioca e allena, arrivano sempre buoni piazzamenti. Mentre è in Lombardia, trova anche il tempo di guidare una squadra femminile, la Bernocchi Legnano, che porta alla conquista dello scudetto nel ’54, così tanto per gradire… Intanto, in Nazionale lo si ritrova fino al marzo del ’52 (totalizza 48 presenze); va e torna dopo solo quattro mesi, stavolta nella veste di allenatore, compito che gli viene affidato dal neo presidente federale Decio Scuri, in un periodo di grande turbolenza e instabilità (dopo Van Zandt, si erano succeduti tre diversi incarichi nel giro di appena 6 mesi). Un record lo incamera subito: a 29 anni è, e resterà, il più giovane allenatore della Nazionale. Per il resto, risultati altalenanti, tra una eliminazione alle qualificazioni olimpiche di Helsinki ’52 (ad opera dell’Egitto del prof. Paratore), un settimo posto niente male agli Europei di Mosca ’53 e qualche buon torneo in giro. È lui che a un certo punto abbandona l’incarico, perché l’azzurro sarà anche un bel colore, ma di soldini se ne prendono pochi, e si rischia di restare al verde… Così si lascia sedurre dalle richieste di Bologna, dove la Virtus un mito lo è già diventata (con i 4 scudetti dell’immediato dopoguerra), ma da cinque anni vede trionfare la Borletti Milano e ora ha bisogno di un condottiero che la trascini alla riscossa. È la stagione ’54-’55: comincia un altro, esaltante, capitolo della sua carriera. Ce ne saranno ancora tanti, e non siamo che agli inizi di una lunga storia, che lo vedrà come uno zingaro in giro per l’Italia…

trac1950
IN AZIONE. Vittorio Tracuzzi in azione in campionato negli anni cinquanta. Ovviamente all’aperto!

La personalità di Vittorio Tracuzzi, frattanto, si era bell’e che formata. Come giocatore era spigoloso, imprevedibile, sfrontato; come allenatore, pure… Sapeva anche rendersi antipatico, quando lo voleva (e pare che lo volesse spesso). Intransigente per natura, aveva teorie da seguire e princìpi da rispettare: non li sconfessava neanche in quei momenti in cui – agli occhi di tutti – potevano apparire poco convenienti. Si irrigidiva sulle sue posizioni, e allora poteva capitare che si ribellasse anche a uno come Van Zandt (ebbe il coraggio di scrivere una lettera in Federazione chiedendo di non essere più convocato in Nazionale) o di chiudere porte in faccia ad atleti di spicco, che non stavano alle sue regole. Nel doppio ruolo di allenatore e giocatore doveva proprio trovarsi a suo agio: lì, almeno, se la cantava e se la suonava!


Tutto nasceva, in fondo, dal suo profondo amore per il basket: disciplina sportiva, non un giochino fatto di espedienti (come in molti allora lo interpretavano); una scienza da studiare, innanzitutto, e poi da applicare sul campo. In questo lui era avanti rispetto agli altri: lo ammisero tutti; in ritardo, ma lo ammisero. Tracuzzi predicava tecnica, geometria, velocità, obbligo di reazione rapida: a quei tempi non erano cose ovvie. Negli allenamenti non bisognava inventare nulla; se mai in partita, ma quello doveva essere estro, non stravaganza. Sentite un po’ cosa sosteneva su un articolo scritto di suo pugno in una rivista specializzata dell’epoca, nell’anno 1951: «La pallacanestro va giocata in cinque ed appunto per questo è necessario poter legare le cinque teste nella media più risultante e confacente alle mentalità. La pratica dei fondamentali deve essere applicata in percentuale forte in tutte le sedute di allenamento; gli esercizi debbono essere molti e interessanti per il buon rendimento dell’allievo e soprattutto per non dargli il tempo di pensare o riflettere troppo. E per non fare pensare è necessario un ritmo sostenuto, intenso, e la non possibilità di dedicarsi ad altro o volontariamente modificare un movimento. Ma se l’atleta non deve pensare, come otterrà l’applicazione? Si fa pensare e ragionare l’allievo con la sua mentalità senza che lui se ne avveda. Il suo pensare lo deve portare alla meccanicità del movimento e così l’applicazione dell’insegnamento sarà la derivante del volere dell’istruttore con la mente dell’allievo…». Ne aveva tante di filosofie come questa. Geniale a suo modo; quindi, spesso incompreso!

 

Era nato per fare il vagabondo, per inseguire il suo istinto e  le sue convinzioni, dovunque lo portassero. Dal basket si era lasciato prendere in maniera totale: sedotto nella sua Sicilia, tra le colline natie di San Filippo del Mela, era stato facilmente trascinato verso palcoscenici importanti, da Roma a Varese, dalla Nazionale azzurra alle Olimpiadi. Giocatore o allenatore; o entrambe le cose. In quegli anni che fecero seguito alla fine della guerra, anche nello sport bisognava cercare di adattarsi a tutto.

Quando mise piede a Bologna, a 31 anni, Vittorio Tracuzzi era ancora nel pieno del fervore agonistico. Vi era arrivato nel ’54, col suo bagaglio carico di idee e di buoni propositi, atteso da una società e da una tifoseria, quelle della Virtus, che avevano scommesso su di lui per tornare in alto. Non li deluse! Le «V nere» rivinsero subito lo scudetto, e la stagione successiva l’impresa riuscì nuovamente.

Fu un momento magico per lui, la rincorsa verso il successo pieno aveva toccato l’apice. In campo e in panchina Vittorio riusciva a spadroneggiare: il muso duro, le urla in campo, le tattiche da stratega. Aveva in squadra un gigante di 2 e 04, Nino Calebotta – trasformato da pertica in discreto cestista –, al quale affidava spesso la finalizzazione del gioco sotto canestro. C’era anche la coppia Mario Alesini-Achille Canna, che tramutava in oro un semplice schema di gioco offensivo tanto caro a Tracuzzi: il contropiede! In difesa, poi, un’invenzione enigmatica per quei tempi, la «zona 1-3-1», aveva disorientato anche gli avversari più esperti. Pensare che Dan Peterson, origini e scuola statunitensi, l’avrebbe riscoperta trent’anni dopo come «arma segreta» per la sua lunga serie di vittorie sulla panchina di Milano…

virtus55

VINCENTI. La prima formazione della Virtus Bologna con Tracuzzi, campione d’Italia 1954-55: Negroni, Zia, Canna, Borghi, Calebotta, Tracuzzi, Mioli, Gambini, Rizzi, Battilani, Verasani [VirtusPedia].

La Virtus aveva per la prima volta ceduto alle lusinghe della sponsorizzazione (c’era scritto «Minganti» sulle maglie, il nome di un’officina meccanica) e così qualche spicciolo in più da spendere lo aveva trovato. Tracuzzi veniva stipendiato più degli altri allenatori in giro. Solo che, con le 70.000 lire mensili che gli metteva in mano il presidente, faceva già fatica a mantenersi: doveva per forza arrotondare con l’insegnamento a scuola (era professore di Educazione Fisica), la moglie Merina era costretta a fare altrettanto. Quando arrivò il vero professionismo nel basket, lui si era già lasciato alle spalle tutte le esperienze di alto livello che avrebbero potuto arricchirlo.

Non fu mai, del resto, un grande speculatore del suo talento. E non solo dal punto vista economico. Ogni tanto sprecava anche occasioni per guadagnare gloria. Come quella volta che mancò clamorosamente il terzo scudetto consecutivo a favore di Bologna: nella partita clou contro la Simmenthal, a Milano, con quattordici punti di vantaggio a pochi minuti dalla fine, mise fuori tre giocatori del quintetto, favorendo così la rimonta degli avversari, poi vittoriosi al supplementare. Pare che volesse fare uno smacco al suo acerrimo avversario Cesare Rubini, oppure dimostrare chissà quale sua teoria… Fu allora che nacque il detto delle «tracuzzate», per dire di certe sue decisioni improvvise e astruse, diciamo fuori dalla logica comune; un’etichetta che gli restò poco simpaticamente addosso, anche perché nessuno la tirava fuori quando, al contrario, accadeva che le «tracuzzate» sortissero un risultato positivo.

tracvirtus
DOPPIA VESTE. Tracuzzi, allenatore giocatore della Virtus due volte campione d’Italia [VirtusPedia].

La Virtus, in fondo, gliela perdonò quella follia. Altrimenti non lo avrebbe tenuto ancora là come allenatore per altre tre stagioni (come giocatore aveva intanto lasciato perdere). Arrivò sempre seconda in campionato, alle spalle della Simmenthal: una maledizione, secondo i pessimisti, oppure la conferma di essere comunque una grande squadra, secondo altro punto di vista. Nel frattempo, il marchio commerciale accanto al simbolo della «V» era cambiato in «Oransoda», e dalla «Sala Borsa» (elegante galleria del centro storico adibita a campo di basket) ci si era trasferiti al Palazzo dello Sport di Piazza Azzarita, poi ribattezzato «PalaDozza». Tracuzzi ebbe l’onore di inaugurarlo quel famoso parquet.

Fu proprio l’Oransoda, anzi il gruppo industriale che le stava dietro, a decidere le sorti del Professore negli anni successivi. La famiglia Casella se lo portò a Cantù, «piazzetta» emergente del basket italiano, dove gli affidò la panchina  della squadra locale, che sponsorizzava un altro marchio di casa, l’acqua «Levissima». Due stagioni, due quarti posti in serie A, alle spalle delle grandi, il massimo che gli si potesse chiedere. Però Varese, là a pochi chilometri, non poteva permettersi di lasciare in provincia un allenatore come lui. Lo richiamò e si avviò a un’altra lunga serie di successi: lo scudetto dopo un anno (’63-’64); cinque secondi posti (sempre dietro Milano); poi la conquista della Coppa delle Coppe, nel ’67 (primo alloro europeo della società). Aveva di che andar fiero Tracuzzi, e invece un giorno confessò di avere fatto un grosso sbaglio a lasciare il clima sereno di Cantù per accettare le proposte allettanti dell’Ignis, dove l’ambiente un po’ lo opprimeva e dove gli toccava anche litigare col patron Borghi. Ormai sappiamo come era fatto: disposto a qualsiasi rinuncia pur di imporre il suo modo di pensare; tolleranza poca, compromessi zero!

virtus
ANCORA UNA. Secondo scudetto consecutivo per la Virtus, ancora con Tracuzzi in formazione: in piedi Canna, Borghi, Rizzi, Calebotta, Gambini, Alesini; accosciati Battilani, Verasani, Randi, Negroni, Tracuzzi [VirtusPedia].

Finirono col pesargli anche quegli anni luminosi di Varese. E allora via per altri lidi: una breve parentesi in Sardegna, a Cagliari, quasi per disintossicarsi; poi due stagioni a Milano, con la seconda squadra della città, la «Pallacanestro All’Onestà»; altre due a Bologna, ancora con la Virtus, ora sponsorizzata «Norda». Non era più tempo di trionfi, non c’erano neanche le condizioni; ma nella élite del massimo campionato Tracuzzi si muoveva sempre a suo piacimento, chiamato e richiamato ogni qual volta c’era bisogno di una guida tecnica affidabile. Solo che i risultati sul campo non sempre erano in linea con le pretese delle società, e più lui si ostinava a inseguire le sue idee, più restava isolato e incompreso. Conobbe così anche l’onta dell’esonero, prima a Milano e poi a Bologna: il che, probabilmente, lo infastidì solo per il fatto di non essere stato lui a decidere di togliere il disturbo. Non erano queste le cose che potevano deprimerlo – visto il personaggio che era – però capì che qualcosa era cambiato in quel mondo cestistico, e che per sopravvivere a certi livelli avrebbe dovuto cambiare anche lui. Non lo fece, a costo di andare ad allenare in serie C…

La primavera del 1972 segnò una svolta decisiva nella sua carriera. Bologna gli aveva appena dato il benservito, quando dal Monferrato, terra piemontese generosa di vini e tartufo, sentì arrivare un timido cinguettio di richiesta: la «Junior Casale», piccola società di serie C con un bel vivaio da coltivare, lo invitò a tenere uno stage di due mesi, male che andava avrebbe risposto che la cosa non lo interessava… A fare e disfare le valigie Tracuzzi non solo era abituato, forse ci prendeva anche gusto. Andò, lo accolsero a braccia aperte, trovò l’ambiente ideale per la sua concezione di basket, fatto di insegnamento, di lavoro in palestra, di giovani da lanciare. Non vi restò due mesi, ma quattro anni, guidando poi la prima squadra in Serie B, un’esperienza che lasciò il segno e che lo gratificò come lui voleva. Qualcuno cercò di riportarlo nel grande giro, ma al richiamo di certe sirene le sue orecchie erano ormai diventate insensibili.

rimbalzo
SALTO. Un rimbalzo catturato da Tracuzzi durante un torneo estivo.

Aveva trovato una sua nuova dimensione. Schivo come sempre, ma non più in lotta con se stesso e con gli altri, se ne stava tranquillamente lontano dalle luci della ribalta, che ultimamente lo avevano un po’ accecato. A poco a poco era venuto fuori anche il lato buono del suo carattere, o forse erano le persone che gli stavano attorno in quel momento ad apprezzarlo di più: dietro quella faccia da burbero e quell’atteggiamento in apparenza scontroso, si scopriva un uomo generoso, socievole, dotato anche di una vasta cultura (di quella scientifica in particolare, avendo mancato di poco, tra l’altro, una laurea in Medicina). Quanto alle sue ambizioni di allenatore, il messaggio era ormai chiaro per tutti: velleità non ne aveva e non ne accettava dagli altri; si accontentava di poco, purché lo lasciassero fare.

Questo fu il Tracuzzi che un bel giorno decise – zingaro per zingaro – di riaccasarsi nella sua Sicilia. Fissò la residenza sua e della sua famiglia a Messina, e da lì ripartì un altro capitolo della sua avventura, senza che mai fosse rimasto inattivo una sola stagione. La «Cestistica» Messina prima, poi una puntata al di là dello Stretto con la «Viola» Reggio Calabria, per tornare ancora più a Sud, a Ragusa, con la «Virtus». Tutti campionati di serie B, senza grandi aspettative e senza risultati clamorosi (a Reggio ci scappò anche un altro esonero); ma il Professore non era uno dei tanti di passaggio, lasciava comunque la sua impronta, grazie a lui molti giocatori trovarono la loro definitiva affermazione. Lo si ritrovava sempre in giro, a quei tempi: il borsello sulla spalla, la sigaretta in mano, faceva da spettatore anche a partite di campionati giovanili, e ogni tanto lo vedevi annotare qualcosa nel suo taccuino. Cupo in volto, riservato, imperscrutabile: ma queste erano le apparenze!

casale76
VIVAIO. Lo Junior Casale Monferrato 1975-76, società dal florido vivaio. Ninni Gebbia è il terzo da sinistra accosciato; Tracuzzi in piedi il primo da destra; il quarto da destra in piedi è Ottorino Flaborea, anche lui nella hall of fame [arch. Ninni Gebbia].

Possibile che uno come Tracuzzi, che il basket in Italia aveva praticamente contribuito a farlo nascere, e che continuava a professarlo con tanta passione, dovesse restare così emarginato? Possibile che la Federazione si fosse dimenticato di lui? Lo riconvocarono in «azzurro»: tutti d’accordo, il presidente conterraneo Enrico Vinci, il suo vecchio avversario-amico Cesare Rubini, lo stesso allenatore della Nazionale Sandro Gamba, che lo aveva sempre considerato «un maestro». C’erano programmi, collaborazione, persone valide e stimate alle quali rendere conto del proprio operato: per cui si fece convincere.

Cominciò dalle Nazionali giovanili maschili, pane per i suoi denti: ragazzi da selezionare, da seguire e da promuovere, era questo che continuava a interessarlo, che lo entusiasmava più di chissà quale vittoria sul campo. Poi il passaggio al settore femminile, alla guida della Nazionale dall’81 all’85, con dignitose partecipazioni agli Europei, tra cui un quinto posto a Budapest. Ci sapeva fare anche con le ragazze, non è vero che avesse preclusioni nei loro confronti: sappiamo che uno dei suoi quattro scudetti in bacheca era quello conquistato con la Bernocchi Legnano; addirittura nel lontano ’48 aveva anche allenato a Roma una squadra femminile di serie B. Pur ammettendo che le differenze fisiche tra i due sessi non potevano portare agli stessi gesti atletici, diede una sua impostazione rigorosa, sostenendo che sul piano tecnico il basket era uno, e uno solo!

arbitro
CONTESTA. Tracuzzi litiga con un arbitro durante l’esperienza a Casale [arch. Ninni Gebbia].

Dopo i 60 anni, la sua voglia di lavorare in palestra e di misurarsi sul campo non si era per niente affievolita. Continuava a sprigionare energia anche con la sua innata mania di girovagare solitario, magari su una roulotte o su una vespa. Neanche un brutto incidente stradale era riuscito a sbarrargli la strada, ma fu quello a segnare poi il suo triste destino. Aveva riportato una lesione, e a distanza di un po’ di tempo decise di porvi rimedio sottoponendosi a un intervento chirurgico all’Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna: la morte arrivò qualche giorno dopo, senza bussare alla porta, con la più imprevedibile e la più fulminea delle complicazioni, l’embolia polmonare. Era il 21 ottobre del 1986. Per l’ennesima volta (e purtroppo l’ultima) Tracuzzi aveva colto tutti di sorpresa!

Testi: Nunzio Spina
Fonte: Basket Catanese




Dicembre 2009. La Commissione degli Onori, organo della Federazione Italiana Pallacanestro, decide di far entrare Vittorio Tracuzzi nella «Hall of Fame», assegnandogli un premio «alla memoria».

Tra i tanti personaggi che dal 2006 a oggi sono entrati in questa prestigiosa galleria, Tracuzzi si ritroverà in compagnia di: Cesare Rubini, Sandro Gamba, Enrico Vinci, Aldo Giordani, Giancarlo Primo, Carmine Paratore, Dado Lombardi (suo giocatore a Bologna), Ottorino Flaborea (suo giocatore a Varese e a Casale).

Gli altri premiati di questa edizione sono: Giovanni Gavagnin, Giuseppe Brumatti, Giulio Jellini e Nicoletta Persi (per la categoria atleti), Arnaldo Taurisano (allenatore), Vittorio Fiorito (arbitro), Gianni Corsolini («una vita per il basket»), Adolfo Bogoncelli («alla memoria»).

Al nome di Tracuzzi sono già stati intitolati il campionato nazionale juniores femminile  e un Palazzetto dello Sport a Messina.


 

Biografie
   
| Lunedì, 16. Luglio 2018 || Designed by: LernVid.com |Copyright 2009-2013 by A.D.S.S.P.C. 1947 - via Garibaldi, 382 - 98044, San Filippo del Mela (Me) - Codice Fiscale: 02763620834